Casciago notizie

per ricevere informazioni da Casciago Notizie, iscriversi alla mailing-list scrivi a casciagonotizie@gmail.com





17 dic 2014

Chiusura Biblioteca Casciago


Si porta a conoscenza che in occasione delle festività natalizie la biblioteca di Casciago rimarrà chiusa dal 22 dicembre 2014 al 6 gennaio 2015, con riapertura al pubblico giovedì 8 gennaio 2015.
La Redazione Casciagonotizie

13 dic 2014

Pane e Lavoro - progetto solidale sul territorio


Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato
L'Amministrazione comunale, in collaborazione con Acli - sede provinciale di Varese, ha firmato l'accordo con l'associazione di volontariato "I colori del mondo Onlus" che prevede la realizzazione di un progetto finalizzato ad aiutare i cittadini disoccupati di Casciago. In concreto, viene offerta la possibilità di effettuare dei lavori, retribuiti regolarmente, tramite buoni lavoro "Voucher Inps". 
Si tratta di lavori accessori e occasionali programmati dal Comune, che daranno la possibilità alle persone disoccupate di ricevere un compenso a fronte dei lavori eseguiti e versare piccoli contributi ai fini pensionistici, oltre che ad una copertura assicurativa contro gli infortuni. Il progetto è stato voluto e pensato per avvicinare i cittadini alle buone prassi di relazione con l'amministrazione comunale. 
Gli interessati al progetto "Pane e Lavoro" possono rivolgersi all'Ufficio Servizi Sociali di Largo Gasperi 1, a Casciago su appuntamento chiamando al numero telefonico 0332.211041 nei seguenti orari: martedì, dalle 9 alle 13 e giovedì dalle 14 alle 16,30. 
La Redazione Casciagonotizie

03 dic 2014

Am.A. Morosolo: una nuova associazione per sostenere la scuola materna

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato pervenuto sulla nascita di una nuova associazione di volontariato a Morosolo
...L’Associazione è stata costituita da un gruppo di amici che hanno il desiderio di mantenere attivo l’Asilo a  Morosolo. La notizia che la Casa Madre delle nostre suore era in difficoltà e non era in grado di garantire il servizio per il futuro …..ha dato uno scossone al nostro cuore…..e di fronte ad un “Chiuderà l’Asilo” abbiamo provato a dire no. Quindi Elena, Roberto, Dalila, Rita, Claudia, Valeria, Tiziana, Riccardo, Maurizio, Antonella, Silvia, Ornella hanno dato vita all’associazione “AM.A Morosolo” (Amici dell’Asilo di Morosolo), con la certezza che tantissimi altri si uniranno al gruppo dei fondatori. Sarà un affiancare e sostenere, nel modo più discreto possibile,  la gestione che rimarrà alle Suore Somasche di San Girolamo Emiliani, ovvero aiutare in piccole manutenzioni, raccolta fondi, o quanto altro si rendesse necessario in futuro. Cercheremo di lavorare in piena armonia e accordo con Suore, maestre e soprattutto con i genitori e i loro bimbi! In occasione del Mercatino Natalizio che faremo a Morosolo inizieremo a raccogliere le adesioni di quanti vorranno diventare soci (speriamo tantissimi), spiegheremo che siamo Onlus e come tale gli eventuali contributi in denaro potranno essere dedotti dal reddito. Inizieremo ad essere presenti all’ open-day e alla festa di Natale che ci saranno all’Asilo il 14 dicembre.. Festa sempre molto sentita da bimbi e famiglie, vi aspettiamo !
La redazione Casciagonotizie 



02 dic 2014

Via Mazzini, forse un nuovo marciapiede

Un marciapiede per rendere più sicura una parte di paese. Il Comune di Casciago ci prova e partecipa al bando regionale per la messa in sicurezza dei tratti di strada pericolosi. Come già fatto per la scuola media di Villa Valerio e per le telecamere di videosorveglianza (il primo finanziato ed il secondo no), la giunta guidata da Andrea Zanotti sta monitorando le possibilità di accedere a fondi erogati dalla Regione: «L'opportunità di sistemare un'arteria importante come via Mazzini è un progetto che abbiamo a cuore - spiega il primo cittadino casciaghese -. Per questo abbiamo partecipato al bando. L'obiettivo è quello di avere i fondi per completare il marciapiede da Sant'Eusebio fino al parco giochi di via Pascoli, passando per il campo sportivo, luoghi di passaggio che necessitano di una messa in sicurezza per i tanti pedoni, soprattutto bambini e ragazzini, che frequentano quei luoghi». Il costo dell'opera si aggira intorno ai 300 mila euro, metà dei quali sarebbero finanziati dalla Regione: una risposta si avrà entro l'anno nuovo. Speriamo !
La Redazione Casciagonotizie

28 nov 2014

IRPEF: costretti a variare le esenzioni, così non si possono fare



Il Comune vuole favorire i meno abbienti, ma il ministero dice che non si può fare. A Casciago l’amministrazione comunale si è trovata di fronte al niet di Roma in merito all’applicazione dell’imponibile Irpef: la delibera casciaghese prevedeva infatti esenzioni fino a 7500 euro e un’aliquota ridotta allo 0,5% fino al 15 mila euro (0,8% per tutti gli altri), ma a novembre, il 19, un mese abbondante dopo l’approvazione del bilancio di previsione, il Ministero dello Sviluppo Economico ha bloccato tutto, costringendo il Comune ad una virata. Nessuna comunicazione scritta, però, ma solo una telefonata con un funzionario che ha spiegato come le riduzioni delle aliquote possono essere applicate solo se fatte per tutti i redditi, non solo per alcune fasce: «Una decisione che ci ha lasciato perplessi - spiega il sindaco Zanotti -. Noi abbiamo messo in pratica quanto promesso in campagna elettorale, cioè l’aiuto alle famiglie meno abbienti. Evidentemente nonostante venti anni e più di parole, promesse e proclami, il tanto decantato federalismo e l’autonomia per gli enti locali non ci sono e i Comuni non sono liberi di decidere, nemmeno quando vogliono agire per il bene dei cittadini. Il Ministero non ci ha nemmeno risposto in via ufficiale, ma si è limitato a bloccare la nostra operazione senza aggiungere altro, lasciandoci in mezzo ad un guado». La giunta di Casciago è corsa ai ripari alzando l’esenzione fino a 10 mila euro e mantenendo l’aliquota dello 0,8% per tutti gli altri.
la Redazione Casciagonotizie

02 nov 2014

4 Novembre 2014

Il 4 novembre festa delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale, ricorre nella data in cui nel 1918 venne posta fine alla Prima Guerra Mondiale con la firma dell’armistizio di Villa Giusti, che sanciva la vittoria dell’esercito italiano sull’impero austro-ungarico, divenuto nemico dopo un repentino cambio di alleanze all'ingresso nel conflitto il 24 maggio 1915. 
La firma arrivò dopo la battaglia di Vittorio Veneto, combattuta dal 24 al 31 ottobre, a cui seguì la ritirata delle truppe austriache fino alla firma dell’armistizio. In questi ultimi giorni di combattimenti fra feriti, morti e prigionieri, rimasero sul campo quasi 60 mila uomini, che si andarono a sommare ai caduti durante i 4 anni di conflitto, costati al solo esercito italiano oltre 500 mila vittime. 
La vittoria, seppur sancita ufficialmente dalla resa del nemico, lasciava alle sue spalle una scia di sangue e morti e inoltre oltre moltissimi reduci di guerra, che all'indomani della fine del conflitto si trovarono a dover fronteggiare il ritorno alla vita civile, senza lavoro, spesso menomati dai combattimenti e segnati dagli anni passati al fronte. 
la Redazione Casciago notizie